Posizionare un sito web: quanto costa?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Mi capita con una certa regolarità di sentire domande come questa:

voglio che il mio sito sia il primo tra i risultati di ricerca di Google, quanto mi costa?

Partiamo dal presupposto che la domanda è perfettamente legittima, chiunque apra un sito lo vorrebbe vedere tra i primi risultati di ricerca e quindi averne un beneficio immediato; va detto però che bisogna mettere il SEO, ossia chi svolge l’attività di posizionare un sito web, nella condizione di farvi avere un preventivo esaustivo e realistico. Se così non fosse, sarebbe come decidere di comprare casa senza curarsi di valutare le condizioni reali dell’immobile e senza averlo mai visto.

Il problema nasce dal fatto che posizionare un sito web è un lavoro molto articolato e non è qualcosa che si acquista una tantum per poi essere a posto per tutta la vita. Il posizionamento richiede di soddisfare vari requisiti e chi se ne occupa deve fare in modo che il sito mantenga tali requisiti nel tempo, cosa che è possibile solo attraverso un lavoro costante e ben strutturato.

Quando decidiamo di posizionare al meglio il nostro sito quindi, dobbiamo fornire prima di tutto alcune indicazioni base alla persona cui vogliamo rivolgerci, tra queste:

  • l’url del sito (almeno indicare di che sito stiamo parlando)
  • che tipo di attività svolgiamo e cosa ci si propone di ottenere con il posizionamento
  • se si hanno obiettivi a media e/o lunga scadenza
  • che tipo di piattaforma è stata usata per creare il sito (vedi CMS)
  • se si ha già un’idea di massima, del budget che si è disposti ad investire.

Queste indicazioni sono importanti per formulare un preventivo il più possibile dettagliato, perché in questi casi i prezzi variano in base a molti fattori chiave, tra i principali:

  • ottimizzazione del sito, ossia se chi lo ha costruito ha adottato una tecnologia “SEO friendly” che favorisca il posizionamento in partenza
  • penalizzazioni del dominio, come un reindirizzamento da un altro dominio, magari mal gestito
  • studio del settore e individuazione della concorrenza (non siamo certo i primi ad avere un sito, a prescindere dal settore, quindi bisogna avere ben chiari chi sono in nostri competitor)
  • studio degli obiettivi per valutare la migliore strategia. Qui tempi e costi sono discriminanti fondamentali, che permettono di valutare in base al budget, il tipo di strategia da adottare per fare in modo che il cliente ottenga nel tempo, un utile dal suo investimento iniziale.
  • dare dei tempi entro cui stimare i risultati ottenuti ed eventualmente correggere o migliorare l’attività svolta
  • eventualmente apportare modifiche al sito, sia strutturali che nei contenuti, se si ritiene che questo possa agevolare ulteriormente il posizionamento

Per riassumere, il posizionamento è un lavoro complesso, che richiede tempo e metodo per ottenere risultati concreti e non investire a vuoto. Sempre consigliabile prima di farsi fare un preventivo, è richiedere un’analisi completa della situazione, fornendo tutte le informazioni necessarie, in modo da ottenere una panoramica realistica (e logica), dei tempi e costi necessari per raggiungere lo scopo che ci si propone.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Federico Deserti

Federico Deserti

Da anni nel settore del Web design e nello sviluppo di siti web in tutte le loro componenti, ho realizzato numerosi progetti Web. Google partner certificato e specialista SEO e SEA, ho gestito e gestisco progetti di web Marketing multi canale sia nel settore B2B che B2C.

Contattami

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *